PROVERBI CALABRESI

Il Paese di
Sinopoli


 

'A carni va cu ll'ossu.

(La carne con l'osso pi saporita)

Amaru cu u porcu no 'mmazza,a li travi soi non mpicca sarzizza.

(Nelle case in cui non si ammazza il maiale dalle travi non pendono salsicce)

'A trigghia no 'a mangia cu' 'a pigghia.

(La triglia non la mangia chi la prende: un pesce molto ricercato e destinato a chi pu spendere)

'A zagarella pe llu culuri, 'a scumma chi frie pe' lla furtizza, 'u a panna 'e ll'uoggliu pe llu sapure.

(Il vino buono si riconosce dal colore, dalla gradazione e dal sapore)

Cu' dijuna du mali fa: l'anima perdi e o' mpernu va.

(Chi digiuna fa doppio male: non salva l'anima e va all'inferno)

Pa saluti ci voli puru 'u salatu.

(Per una buona alimentazione sono necessari anche i salami e le altre cose che si fanno col maiale)

'Cu non poti mangiari ' carni si mbivi u brudu.

(Chi non pu mangiare la carne costretto ad accontentarsi del brodo)

'Cu si marita cuntentu 'nu jiornu, cu' mmazza ' u prcu cuntentu n'annu.

(Chi si sposa felice per un giorno, chi ammazza il maiale trova soddisfazioni per un intero anno)

Cu' travagghia vi 'na sardina e cu' non lavura vi 'na gajina.

(Chi men lavora pi guadagna, Il significato allegorico indica la sardina quale cibo modesto ed il pollo quale cibo apprezzato).

D'a morza veni 'a forza.

(Per esser validi e forti bisogna nutrirsi bene)

E' megghiu sucu 'e vinazzu e nno acqua 'e critazzu.

(Per quanto possa essere non buono, il vino sempre da preferire all'acqua)

L'acqua faci mali e lu vinu faci cantari.

(L'acqua fa male alla salute ed il vino rende allegri)

L'ovu cacatu vali 'nu ducatu.

(L'uovo fresco vale un ducato poich d sostanza e nutrimento)

Amura e cerasi cchi ndi menti e cchi ndi trasi.

(Pi si mangiano more e ciliegie pi se ne desiderano)

Mangia comu 'u bboi e campa comu 'u sceccu.

(Mastica bene il cibo come fa il bue, e bevi poco e lentamente, come fa l'asino)

Ogghiu i n'annu e vinu di cent'anni.

(Perch sia buono l'olio deve essere nuovo, mentre il vino deve invecchiare)

Pani fino a chi dura, vinu a misura.

(Si pu mangiar pane finch se ne ha, mentre bisogna limitarsi a bere vino in misura che non arrechi danno)

Pisci cottu e carni cruda.

(Il pesce deve essere ben cotto, mentre la carne pi saporita se cotta poco)

Risuni e maccarruna dopu 'n'ura si diijunu.

(Riso e maccheroni non hanno grande valore nutritivo e si digeriscono rapidamente)

'U mangiari senza 'mbiviri comu 'u nuvulatu senza chiviri.

(Senza vino non si pu mangiar bene)

'U vinu 'a vita allonga, ll'acqua accurcia ll'anni.

(Il vino allunga la vita, l'acqua l'accorcia)

Voli cunduta 'a 'nsalata cu pocu citu e assai salata.

(Perch l'insalata sia buona deve essere condita con molto sale e poco aceto)

'Cu mangia di bon'ura ccu nu pugnu scascia nu muru.

(Chi fa una buona colazione al mattino pu affrontare con vigore la fatica)

A tavula ricca faci la casa pvara. ( bene esser frugali) A trippa nna riti: chi ci menti, chi ci capi.

(La trippa come una rete: pi ci metti, pi ci va roba)

A butti duna lu vinu chi teni.

(La botte d il vino che contiene)

A ggutti a gutti si sbacanta a btti.

(Goccia a goccia si finisce il contenuto della botte)

A ttavula e a mmugghieri n'vicinati cu boni maneri.

(Alla tavola e alla moglie accostati con buone maniere)

'Cu mangia erba, pecura diventa.

(Chi mangia erba pecora diventa)

Carni 'i porcu e ccvuli 'i ortu, cu non s mangia si trova mortu.

(Carne di maiale e cavoli di orto, chi non ne mangia non guadagna salute)

I Santu Martinu si iaprunu i butti e si prova lu vinu.

(A San martino si aprono le botti e si assaggia il vino)

Fami rretrata pitittu scuncerttu.

(Fame arretrata appetito smisurato)

Falla comu tu voi la bella pasta, 'u furnu 'a conza e llu furnu a guasta.

(Fa la pasta bella quanto vuoi, ma il forno a guastarla e ad aggiustarla)

I guai da pignata i sapi a cucinara chi i gira.

(I guai della pentola li conosce il mestolo che vi gira dentro)

Lardu e pisci cchi ndi teni cchi ndi smartisci.

(Lardo e pesci pi ne hai pi ne smaltisci)

Mngia chiddu chi voi e dassa 'a bucca o casu.

(Mangia quello che vuoi, ma lascia la bocca al cacio)

Pignata visitata mai bugghi.

(Pentola guardata non bolle mai)

Quandu teni ncna cosa, mangia nterra e alla porta menticci na sbarra.

(Quando hai qualcosa, mangiala seduto a terra e alla porta metti un chiavistello)

Quandu a tavula conzata, cu no mangia perdi a spisa.

(Quando la tavola imbandita, chi non mangia perde il cibo)

Si voi mangiare 'a carni ccu gustu, prima 'a bugghi e poi a rrusti.

(Se vuoi mangiare la carne con gusto, lessala dapprima e poi arrostiscila)

Cucina ricca, pezzenteria vicina.

( bene esser frugali)

Megghiu pani ngru ca fami sicura.

(Al niente sempre preferibile il poco ed il mediocre)

U suverchiu rumpi a pignata e u cuperchiu.

(Il soverchio rompe la pignata ed il coperchio)

U vinu ijancu fin' a fezza.

(Il vino bianco va bevuto fino al residuo)

Megghiu pani e cipudda a' casa tua ca pisci e carni a casa d'attri.

(Meglio poco nella casa propria che molto a casa d'altri)

A San Martinu caccia ll'acqua e menti 'u vinu.

(A San Martino metti da parte l'acqua e bevi il vino nuovo)

Cu' no dijuna 'a vigilia i Natali mori o scoru comu nu cani.

(Il "digiuno della vigilia" comprende tredici, diciotto o ventiquattro vivande, tutte di magro, comprese zeppole e frutta varia).

N'ta tavula e n'to tavulinu si canusci u cittadinu.

(La persona civile si riconosce dal suo comportamento a tavola)

Si mangia 'u pisci cu si bagna 'u culu.

(Il pesce fresco se lo mangia il pescatore. Chi ha faticato a conquistare una cosa ha il diritto di godersela)

Frittu, dissi 'u psci, quandu si vitti mpanatu.

(Sono fritto si detto il pesce quando si visto infarinato)

Occhiu pi occhiu, denti pi denti

Occhio per occhio, dente per dente

Fa beni e scordati, fa mali e ricordati

Fai bene e dimentica, fai male e ricordati

Nci voli furtuna puru a cacari / senn si ngruppa lu budeddu e mori

Ci vuole fortuna pure a cacare / altrimenti si occlude il budello e muori

Cu' avi furtuna e si jetta a mari, / nchiana cu' culu chinu di calamari

Chi ha fortuna e si butta a mare / sale col culo pieno di calamari

U cani muzzica sempri u sciancatu

Il cane morde sempre lo storpio

Cu mpresta perdi a testa

Chi presta (soldi) perde la testa

Cu' megghiu si conza u lettu / megghiu si curca

Chi meglio si accomoda il letto / meglio si corica

Cu' prima non pensa dopu suspira

Chi prima non pensa dopo sospira

Cu pecura si faci / u lupu sa mangia

Chi diventa pecora / il lupo se la mangia

U pisci randi si mangia u pisci picciulu

Il pesce grande si mangia il pesce piccolo

Cu' non si faci l'affari soi / ca lanterna va cercandu guai

Chi non si fa gli affari suoi / con la lanterna va cercando guai

U mastru pignataru / menti a manica a undi a voli

Il mastro pentolaio / mette il manico dove vuole

Cu' ndavi cchiu santi va in paradisu

Chi ha pi santi va in paradiso

Nigru cu nigru non tingi Nero con nero non tinge

Na nuci ndo saccu no'n scrusci

Una noce nel sacco non fa rumore

A cunfidenza patruna da malacrianza

La confidenza padrona della cattiva educazione

Cu' 'na vota no'n caca beni / centu voti va e veni

hi una volta non caca bene / cento volte va e viene

Quandu u culu ntrona / a persona si senti bbona

Quando il culo scorreggia / la persona si sente bene

Quandu a vucca mangia / e u culu rendi mi ndi futtu di medici, / di medicini e di cu' i vindi

Quando la bocca mangia / e il culo rende me ne frego dei medici / delle medicine e di chi le vende

U saziu nu' canusci u dijunu

La persona sazia non conosce il digiuno

Cu' patri e cu' patruni / sempri tortu e mai ragiuni

Con il padre e con il padrone / sempre torto e mai ragione

U lignu stortu sulu u focu u ddirizza

Il legno storto solo il fuoco lo drizza

Quandu u diavulu t'accarizza / l'anima voli

Quando il diavolo ti accarezza / vuole l'anima

Cu mangia cu ddu ganghi / prestu s'affuca

Ci mangia con due ganasce / presto si affoga

Pilu russu, malu culuri / o birbanti o tradituri

Pelo rosso (il colore dei capelli), cattivo colore / o birbante o traditore

E' megghjiu to mamma mu ti ciangi / co' suli i marzu mu ti tingi

E' meglio che tua madre ti pianga / che il sole di marzo ti tinga

Quandu 'u tempu d'a marina, / pigghjia 'a pignata e va' e cucina;

Quandu 'u tempu d'a muntagna, / pigghjia 'a zappa e va 'n campagna

Quando il tempo della marina, / prendi la pentola e vai in cucina

Quando il tempo della montagna, / prendi la zappa e vai in campagna

Vidi mojiu e zappi fundu

Vedi molle e zappi a fondo

E fimmani i fora / no' tila e no' lanzola

Alle domme forestiere / n tela e n lenzuola (dote)

O tegnu u figghjolu o vaju all'acqua

O tengo il bambino o vado a prendere l'acqua

U sceccu chi scorcia ficari dassa u viziu quandu mori

L'asino che scortica i fichi abbandona il vizio (solo) quando muore

Se u populu non parra u previti si marita

Se il popolo non parla il prete si sposa

U monacu chi fujia sapia i cazzi soi

Il monaco che scappava sapeva i fatti suoi

U sceccu i tanti frati su mangianu i cani

L'asino di tanti fratelli se lo mangiano i cani

Quandu u sceccu non voli u 'mbivi / 'nutili u frischji

Quando l'asino non vuole bere / inutile che fischi

I guai 'da caddara i sapi a cucchjiara chi 'mmiscita

I guai della pentola li conosce il mestolo che li rigira

A gatta prescialora fici i gattareji orbi

La gatta frettolosa fece i gattini ciechi

'Nci dissi u surici a nuci: "Dammi tempu ca ti perciu!"

Disse il topo alla noce: "Dammi tempo che ti buco!"